Via della Seta: il blog dei ragazzi

BUON COMPLEANNO ITALIA!

Categoria:

Ciao  a tutti, sono Giulia e volevo farvi una domanda, sapete che ricorrenza si festeggiava il 17 marzo? Si!

Udite e udite il compleanno dell'Italia unita!

In questo giorno proprio nel 1861 in Italia fu proclamata la sua unità che però, purtroppo, non era totalmente completa in quanto mancavano ancora il Veneto,il Trentino- Alto Adige, il Lazio e il Friuli Venezia Giulia, che furono annesse solo successivamente negli anni a venire.

L’anniversario dell’unità d’Italia celebra la promulgazione della legge numero 4671 del Regno di Sardegna con la quale nel 1861 il giorno 17 marzo, Vittorio Emanuele || proclamò ufficialmente la nascita del Regno d’Italia assumendo il titolo di suo re.

Il 17 marzo è anche la giornata della Costituzione, dell'Inno e della Bandiera del nostro Paese! 

E’ la giornata della Costituzione perché si festeggia la prima costituzione italiana, nata con la monarchia costituzionale basata sullo statuto Albertino ( costituzione del Regno di Sardegna), che va dal 1861 al 1946; è la giornata dell’Inno perché inizialmente era stato scelto come Inno la Marcia Reale della casata dei Savoia, ma il popolo non era proprio favorevole in quanto troppo complicata, mentre l’Inno di Mameli era più comprensibile e di facile lettura, così successivamente fu adottato come Inno italiano. 

In questo giorno si celebra anche la Bandiera in quanto è uno dei simboli più importanti dell’Italia.

Vi dico tutto questo perché in un momento così difficile rispolverare la storia del nostro amato paese potrebbe un po’ ricordarci il perchè dobbiamo credere nell’Italia e in noi restando uniti!

FORZA CHE INSIEME CE LA FAREMO!!!

Giulia 3^F

RELIGIONE – CLASSI SECONDE – Le confessioni cristiane.

Ciao ragazzi, come state?

Oggi volevo proporvi un interrogativo: quali sono e quante sono le chiese cristiane?

«Cristiano» e «cattolico» capita di usarli come parole di uguale significato, perchè storicamente la maggioranza dei cristiani sono cattolici.

Ma è un uso improprio e oggi il cammino ecumenico e l’arrivo di tanti cristiani di altre confessioni chiede uno sforzo di conoscenza e di comprensione e l’utilizzo di una terminologia più corretta. Proviamo a orientarci: la storia del cristianesimo è costellata di numerose divisioni che hanno dato vita a tanti “rami” nell’unica grande famiglia di credenti in Gesù.

Leggi con calma e con attenzione questa scheda, potrai scoprire particolari molto interessanti di ogni confessione.

Ecco il link:

https://drive.google.com/open?id=1XJwUztfe_8ucdTdqVh4HzzWJPLkix0C9

 Buona lettura e a presto. 

Prof. Perrone MIchele

Lettera del Sindaco dei Ragazzi e del CCR

Ciao carissimi ragazzi,

sono Anita Trevisin, sindaco del Consiglio Comunale dei ragazzi e voglio scrivervi a nome di tutti i miei compagni consiglieri.

Dopo qualche giorno di riflessione e, perché no, di adattamento alla nuova, inaspettata e insolita situazione mi ritrovo qui a condividere con tutti voi quello che è il mio pensiero riguardo a questo periodo molto diverso e impegnativo per tutti noi.

Da un momento all’altro ci siamo ritrovati catapultati in una nuova realtà che ci ha costretti a modificare le nostre abitudini: la scuola, gli amici, le nostre passionicuore bandiera italia vettore clipart csp49532059

Non so voi, ma io mi sento un po’ a disagio a vivere in questa dimensione; certo stiamo a casa, ma non vi sembra che già dopo due settimane tutto questo sia difficile da sostenere?

Bisogna cercare il più possibile di evitare luoghi affollati, affinché la pandemia da Covid-19 non si diffonda maggiormente nel nostro Paese. Credo pertanto che sia responsabilità comune adeguarsi alle norme stabilite dal governo e dal Ministero della Salute anche se questo significa privarsi momentaneamente dei contatti e delle relazioni con le persone e gli amici a noi più cari.

Pochi giorni fa il Presidente del Consiglio ha annunciato la chiusura di tutte le attività commerciali, tranne le farmacie  e gli esercizi commerciali dediti alla distribuzione di beni alimentari e generi di prima necessità. 

Forse, fermare precedentemente l’economia, avrebbe permesso di contenere il numero dei contagi e di risparmiare denaro pubblico necessario ora a sostenere le spese mediche che sono diventate massicce in questo momento.

Ritengo doveroso ringraziare tutto il personale medico, considerando che tra voi ci sarà sicuramente qualche genitore che svolge questo mestiere, soprattutto perché ci stanno aiutando a combattere questo essere microscopico, ma così pericoloso per tutti noi.

Credo sia anche importante ricordare e ribadire l’importanza che il nostro operato ha in questo preciso momento: soprattutto noi studenti siamo chiamati a essere maggiormente responsabili, coscienti e consapevoli delle nostre azioni. 

Concludo dicendo che, secondo me, questa è “un’occasione” per renderci conto che nella vita non hanno valore i contatti virtuali, quelli cioè che pensiamo di coltivare attraverso uno schermo, bensì quelli che si condividono tra le persone nelle reali relazioni.

Un caloroso saluto a tutti voi.

#iorestoacasa

#tuttoandràbene

 

                                                                                   Anita Trevisin e ragazzi del  CCR

 

 

Proposta classe IIA Prof.ssa Traversari

Ciao ragazzi.

Mi auguro abbiate ormai acquisito i nuovi ritmi scolastici. Vi ricordo che i compiti da me assegnati vanno distribuiti, pur con i vostri tempi, nell'arco delle 4 settimane, a partire dal 9 marzo fino ai primi di aprile. Solo pochi mi hanno contattato per avere dei chiarimenti o alcuni suggerimenti sui lavori da svolgere. Mi raccomando, il disegno può rilassare e dare spazio alla vostra creatività.

Vi informo, se riuscirò a raggiungervi in tempo, che questa sera su Canale5, in prima serata, dovrebbero trasmettere un programma sul Rinascimento (suggerito dalla prof.ssa Ferrabò). Potrebbe essere un'opportunità per avvicinarvi al periodo artistico che stiamo iniziando a studiare. E' una proposta. A presto e un abbraccio a tutti.  

Prof.ssa Traversari

Riflessioni...

Cari lettori,images

I giorni di vacanza carnevalesca sono stati per me un momento di rilassamento quasi totale, perché quando ci hanno comunicato che chiudevano la scuola per l’ intera settimana, tutto sommato ero contento perché avevo più giorni per riposarmi. Questo pensiero però è durato solo fino al primo marzo, quando ci hanno avvisato che la chiusura della scuola continuava. Ho cominciato a preoccuparmi, vedevo i volti dei miei genitori sempre più pensierosi e preoccupati. L’ otto marzo avrei dovuto fare anche la Cresima, purtroppo rinviata a data da destinarsi.

Tutti questi eventi dentro di me hanno suscitato vari pensieri: “Perché tutto questo così all’ improvviso? Cosa sta succedendo nella nostra normalità?”. Ora mentre vi scrivo 12/03/2020, c’ è stato l’ ultimo comunicato del presidente del consiglio il quale dice che non si può più uscire di casa, solo per fare la spesa e per cose urgenti. Questo è (per il momento) il modo più giusto per combattere questo brutto virus che ci sta affliggendo. Io in casa non sto male, ho sempre tante cose da fare: compiti, leggere, suonare il pianoforte, correre un po’ o aiutare mia mamma. Tutto sommato non posso annoiarmi!

E’ una situazione strana perché aldilà della mia famiglia non vedo nessuno, però possiamo vederci tramite le videochiamate, anche questo è un bel vantaggio. Ora non vedo l’ ora che tutto questo passi, riesco a capire quell’inferno che stanno vivendo per noi tutti quei poveri operatori sanitari, all'estremo delle forze e tutti coloro che stanno lottando per la loro vita.

Ricordo quella spensieratezza che avevamo in classe.

Penso al ritorno alla normalità (sempre se mai ci sarà).

Spero prof. Di rivedervi presto e che tutto questo possa essere un momento di riflessione per tutti, per vivere senza lamentarsi per ogni frivolezza.

Un grazie per tutto quello che fate noi in questi giorni.

Un saluto da Elia 2D