“Se dovessi fuggire improvvisamente da casa tua, cosa porteresti con te?” - vincitore

Nicolò G. 2^E

Oggi parto. Non so come, non so perché, ma domani dovrò lasciare la mia casa e il mio paese. Mia madre dice che preferisce non spiegarmi il perché dobbiamo andarcene. L’unica cosa che mi ha detto è di fare la valigia. Non potrò portare molto, quindi dovrò lasciare qualcosa qui. Giro per la casa e mi guardo attorno. Mi sembra più grande del solito e improvvisamente piena di cose. Rovisto mentalmente tra l’infinita raccolta di oggetti che mi circondano e inizio la selezione. I miei occhi si dirigono su una foto di mio padre deceduto pochi giorni dopo la mia nascita. Quella è una delle poche foto dove lui è il protagonista indiscusso dello scatto, dove sembra che tutta la natura e gli agenti atmosferici fioriscano anche solo per un secondo. La voglio portare con me per avere almeno un ricordo di mio padre e perché temo che se non rivedrò più la sua faccia potrei sicuramente dimenticarlo e non voglio che questo accada. Poso la foto nella valigia. Mi guardo intorno e il mio sguardo, questa volta, si posa sui miei fumetti scherzosi e ironici di Simone Albrigi. Sono una passione piuttosto recente, ma ci tengo tantissimo e mi divertono molto. Essi sono le mie armi per far arretrare il temuto mostro quale è la noia che a poco a poco colpisce ogni singolo bambino e adulto del mondo e leggerli mi consente di accedere a una realtà differente da quella che vivo. Impilo tutti i fascicoli e, nel mentre, le mie pupille “scannerizzano” la stanza. Le pupille si arrestano e “mirano” la mia anatra peluche che, da piccolo, ho chiamato Fafà. Mi è sempre stata accanto nelle notti insonni ed è sempre stata la mia compagna di giochi. Da piccolo aveva il potere di farmi dormire e farmi sentire a casa dovunque andassi! Voglio portare con me Fafà perché tecnicamente è la rappresentazione sotto forma di peluche della mia spensierata infanzia, quando niente e nessuno poteva preoccuparmi, quando tutto per me era gentile e tranquillo. Quindi prendo Fafà per le ali e la appoggio all’interno della valigia. Poi, vado in salotto e prendo il mio cellulare appoggiato sul tavolo. Spero proprio di riuscire a mantenerlo acceso, così come spero di riuscire a tenere accesa la speranza di tornare un giorno a casa. Lo voglio avere con me perché al suo interno vi sono tutte le discussioni, gli annunci, le rivelazioni, le confessioni, le rassicurazioni, ma soprattutto i ricordi fotografici dei momenti passati con i miei amici e i miei parenti. Proprio per questo voglio metterlo in valigia, per tenermi vicino frammenti felici della mia vita. Quei momenti in cui ero veramente felice. E per felice intendo tranquillo, spensierato, sicuro e in un certo senso protetto da ogni possibile negativo accadimento. Ora non più. Ora bisogna scappare, e non capisco il perché. Ed è proprio questo che mi spaventa. Il non sapere da cosa. Infatti, la definizione di paura è proprio questa. La paura è una sensazione di timore delle cose che non si sanno, di cui si è incerti o si sa poco e che provoca quella angosciante sensazione di inquietudine dentro sé stessi. E in questo momento, posso affermare di avere paura.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna