Primaria

"Io Ho Cura"

Categoria:

i o h o c u r a 2 page 0001 5

La mostra si inserisce all’interno del progetto  “IO HO CURA”, promosso dalla rete  nazionale delle scuole per la pace.

Il periodo della pandemia ha messo in evidenza tre elementi essenziali della condizione umana: la nostra fragilità, la nostra vulnerabilità e il nostro bisogno di cure.

La cura è un modo di essere e di agire.

Si manifesta con il prestare attenzione, rispettare, ascoltare, dare tempo, sentirsi responsabili, agire con delicatezza, mostrare comprensione, dare conforto e  condividere.

Come si impara e come si comincia ad aver cura? 

La scuola può contribuire a formare persone capaci di prendersi cura della propria vita e di quella degli altri, del piccolo e del grande, del vicino e del lontano.

A partire dall’ambiente scolastico è possibile riscoprire il valore della cura nella comunità in cui viviamo, per poter affrontare le sfide del futuro con fiducia e coraggio.

La mostra si pone come momento conclusivo di un itinerario che ha coinvolto tutti gli alunni di ogni ordine del nostro Istituto a misurarsi sul tema della cura, in un tempo segnato da “normalità e restrizioni”.

 

Gli insegnanti

Perrone Michele

Marton Lucia

Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull'Autismo

Categoria:

Cari ragazzi,

Il 2 aprile è la GIORNATA MONDIALE PER LA CONSAPEVOLEZZA SULL'AUTISMO. 

Per l'occasione abbiamo preparato un breve video e una locandina, che hanno permesso di conoscere questa tematica, discutere e riflettere insieme.

Venerdì 2 aprile la nostra scuola primaria "Antonio Vivaldi" si illumina di blu per questa importante giornata!

Le insegnanti della scuola primaria "A. Vivaldi"

Video

schermata 2021 04 02 alle 14.40.0720210331 112307084 ios20210331 111738000 ios

 

 

 

 

20210331 111737000 ios

La Scuola ai Tempi del Covid, in Rima

Categoria:

Carissimi ragazzi,

Noi bambini della 4°B, della scuola primaria “A. Vivaldi”, vi vogliamo augurare un buon anno scolastico con questa poesia, che abbiamo scritto insieme13211512bbcxgmto.
Abbiamo capito che andare a scuola è davvero importante e che poter stare in classe con i nostri compagni e le maestre è una grande gioia.

In poche parole, la scuola è come la nutella: chi riesce a farne a meno?

Buona lettura!

4°B, scuola primaria “A. Vivaldi”

 

LA SCUOLA AI TEMPI DEL COVID, IN RIMA

L’anno scorso qualcosa è cambiato, 

nella mia scuola non sono più andato.

Un brutto virus è arrivato nel mondo

e ci ha cambiato nel profondo.

Davanti al computer siamo dovuti stare,

affinché la scuola potessimo continuare.

Siamo stati seduti per ore,

ma non è cambiato il nostro cuore.

I nostri amici ci sono mancati,

ma finalmente ci siamo ritrovati.

Ora che la scuola si è nuovamente riempita,

è tornato quasi tutto alla vecchia vita.

Forza ragazzi! Insieme ce la faremo

e il virus sconfiggeremo!

IL MIO PINOCCHIO E' COSI'...

Categoria:

Buongiorno Ragazzi!

Eccoci qui per raccontare la nostra esperienza di TEMPO INTEGRATO!

In uno degli ultimi post abbiamo “svelato” il nome dello spettacolo che ci vedrà protagonisti a fine anno: “PINOCCHIO.COM…PINOCCHIO DICE IL VERO”.

Sul palco si incontreranno tradizione e modernità: il nostro Pinocchio assomiglierà a quello creato da Collodi, come pure il Grillo Parlante , la Fata, il Gatto e la Volpe, Mangiafuoco e tutti i personaggi che animano questa splendida favola!

Ma… la nostra  fantasia ci porterà a scoprire caratteristiche che i protagonisti non sempre mostrano al pubblico e che sono decisamente al passo con i tempi: avete mai pensato ad un Pinocchio che utilizza (consapevolmente) internet? Avete mai visto un burattino che, oltre al famosissimo Abecedario, usa il computer?

Abbiamo realizzato alcuni ritratti di Pinocchio: ecco a voi il risultato!

E il vostro Pinocchio "moderno" che caratteristiche speciali ha?

Buona settimana a tutti!

 

POST3IMA3 - Copia

POST3IMA2 - Copia

   

POST3IMA1 - Copia

PINOCCHIO: UNA FAVOLA SENZA TEMPO!!!

Categoria:
  Ben ritrovati ragazzi! Oggi vorrei iniziare a parlarvi di “PINOCCHIO.COM…PINOCCHIO DICE IL VERO”. Come ben sapete, questo è  il titolo dello spettacolo che il progetto Tempo Integrato 2013/2014  porterà in scena a fine anno scolastico! Prima di condividere con tutti voi i momenti che precedono la messa in scena, vi vorrei raccontare alcune curiosità sullo scrittore che ha dato vita alla favola “LE AVVENTURE DI PINOCCHIO”, il racconto al quale ci “ispiriamo”. Lui è CARLO LORENZINI, più conosciuto con il nome di COLLODI (che deriva dal paese di nascita della madre). E’ il più grande di dieci fratelli e ben presto inizia la sua carriera di giornalista collaborando con numerosi giornali: dedica la sua attività anche a romanzi e drammi teatrali. Il primo testo per  l'infanzia è del 1876: "I racconti delle fate", una raccolta di splendide traduzioni di fiabe francesi. Da allora, Collodi si "specializza" nel genere della letteratura infantile, con la realizzazione di una serie di testi scolastici. Il vero successo  di Collodi arriva, però, con la pubblicazione del romanzo "Le avventure di Pinocchio", storia del burattino più famoso del mondo. Inizialmente venne pubblicato a puntate, nel 1881, sul "Giornale per i bambini” con il titolo di "Storia di un burattino": la versione “completa” è del  1883. Hei aspettate un attimo: facendo un rapidissimo conto “Le avventure di Pinocchio “ quest’anno compiono ben 130 anni! E pensate, dal 1883 l'opera è stata pubblicata in 187 edizioni e tradotta in 260 lingue o dialetti.  Che dire…questa è davvero una favola senza tempo!